lunedì 26 settembre 2011

Chi colpisce per primo colpisce due volte - Filosofie di vita a confronto


(Foto di Francesca Anita Modotti)


Non vi tagliate le vene :


Mi inquietava non poco risponderti come si risponde durante un interrogatorio, negando persino particolari inoffensivi per cadere su quelli rilevanti, sulla sostanza, che in una indagine assimila le sfumature mentre compone figure, scurendo caselle chiare dalle forme irregolari. Per inteso, quelle col pallino nero. Cosi' mi tenevo la pancia con tutte e due le mani, stringevo e strizzavo alle contrazioni piegato in due da fitte di dolore, dal fiume di sudore freddo, coi capelli appiccicati sulla fronte. E mentre questo scempio dentro di me avveniva, tu eri oltre la porta, a urlare. L'integralismo aveva bellamente occupato casa, con carri cingolati nelle camere e una linea Maginot di traverso al corridoio. Catene di trincee. Morti di fame dati in pasto alla guerra. Si udivano granate esplodere, e colpi di mortaio. Qualsiasi tregua era esclusa. Cosi', come se non fosse mai stato possibile altro di niente nella vita. Attivita’ sorprendenti! Invece che stare a scrivere sui pezzi di terra imitando le stelle, con un bastone, quando e' notte e in campagna si svegliano i fili d'erba in amore, con la terra e il vento che scopa via polline, resine, spore... invece che starsene a fare 400 chili di figli e figlie, sputando sudore, piuttosto che sangue... La condizione naturale dell'essere umano non puo' essere la guerra, mi confidavo distratto, perche' la prospettiva di entrare volontariamente in un carnaio, non e' molto attraente. Avrei fatto meglio a concentrarmi sulla respirazione e a guardare... Servi, schiavi, ricattati, inermi da un lato, in processione. E poi dall'altro singoli schiantati, inorriditi sul baratro delle possibilita', dalle tinte di un quadro, da un padre malato. Non erano molti, e’ vero, ma ognuno di loro prendeva in mano un fucile. E a quel punto che fare? La corsa al riarmo in ritardo? Lo shopping compulsivo  degli indiani d’america, strappando schioppi scassati ai trafficanti bianchi? Di sicuro la situazione c'era sfuggita di mano, pensai, mentre morivo avvelenato e tu strillavi domande implacabili senza aspettare risposta, ferma e ritta li’ dietro la porta.

26 commenti:

  1. avrebbe continuato molti altri minuti dopo la tua morte a interrogarti http://sabrinaancarola.blogspot.com/2010/12/e-pensare-che-ti-amavo-da-morire.html

    RispondiElimina
  2. c'e' gente che non si tiene...

    RispondiElimina
  3. Io riconosco in me questa caratteristica (ma almeno la riconosco) poveri ex...

    RispondiElimina
  4. ex... viventi? quali veleni hai usato? o ne secerni di tuo?

    RispondiElimina
  5. si suicidano...posso capirlo ..in fondo

    RispondiElimina
  6. sei come la depressione. te l'hanno mai detto?

    RispondiElimina
  7. non passo indifferente..non è poco ;)

    RispondiElimina
  8. In effetti, ho rischiato di tagliarmi le vene.
    (Metafora a parte)

    RispondiElimina
  9. @STORM righello troppo affilato?

    RispondiElimina
  10. ...sì, di sicuro la situazione era sfuggita di mano...!!

    RispondiElimina
  11. ho avuto un rigurgito..da situazioni analoghe ho compreso che se c'è qualche oggetto nei paraggi a cui tieni davvero è necessario provare a rispondere, io per non averlo fatto ci ho rimesso un pc nuovo di pacca,è esploso come una bomba... Eri H.

    RispondiElimina
  12. mi viene sempre l'incazzo quando non trovo le parole adatte perchè sono perfette quelle che già ci sono!

    RispondiElimina
  13. @luisaluz piu' o meno come in Cecenia?

    RispondiElimina
  14. @Eri H dove l'avevi comperato quel pc cosi' versatile?

    RispondiElimina
  15. @amore immaginato non ti incazzare, e' la legge dei grandi numeri: le uso tutte cosi' non sbaglio.

    RispondiElimina
  16. Sembra una vomitata di getto di parole che mi piace.
    non mi piacciono le domande buttate di getto...ma l'istinto animalesco ci fa diventare anche così.

    RispondiElimina
  17. all'Unieuro.. quello che "l'ottimismo è il sale della vita" che mi pare sia pure fallita, ahaha :)))
    Eri

    RispondiElimina
  18. @Marta oh anche io con gli interrogatori ho un pessimo rapporto. addirittura gia' le interrogazioni le vivevo male... Ah.. aspetta... mi dicono che e' una cosa abbastanza normale :)

    RispondiElimina
  19. @Eri H. come direbbe una mia vecchia conoscenza... va bene sale e pane, ma il pane dov'e'? :))

    RispondiElimina
  20. ehhh il mio non lo so... per parecchi anni la recessione risparmiò il paese ma già allora colpì me quindi ora sono solo curiosa di vedere il pane altrui che fine abbia fatto:) Eri

    RispondiElimina
  21. @Eri H non me ne parlare, io sono nato colpito. ed e' da un po' che aspetto sulla famosa riva del fiume. "questa e' la strada del ponte" cantava una mia bisnonna...

    RispondiElimina
  22. su questa strada del ponte il pane si raccoglie dalle piante ma camminando ogni voltarsi a guardare con un pizzico di allegro sadismo chi lo cerca ancora nel portafogli è cosa buona e giusta .. tanto siamo già statue di sale, dio boia :)

    RispondiElimina
  23. @Eri H. ...almeno i fuochi d'artificio sulla citta' degli stolti (o era degli empi?) ce li possiamo guardare...

    RispondiElimina
  24. certo.. spogliamoci di tutto ma non del il piacere dello spettacolo :) eri

    RispondiElimina
  25. @Eri H spogliamoci di tutto cio' che non ci piace.

    RispondiElimina