martedì 18 ottobre 2011

In su



(Foto di Francesca Anita Modotti)


Lì dove si posa lo sguardo finisce il tempo, per noi e’ cosi’. Cosi’ com’e’ per i  nostri passi mai confusi nella stessa eco, mai in sincrono. Mentre ballano i tuoi piedi chiacchieroni si scambiano informazioni inutili e carinerie da giocolieri. Burloni, irridono la platea senza malizia, semplicemente piroettando appresso ad una appartenenza priva di codice e di forbice. Perche’ si sa: lì dove comincia la musica finiamo noi, che siamo un’altra melodia, un altro ritmo, un’altra disarmonia insurreale quale e’ l’erba secca a margine d’un campo, in estate. Come il fieno. Come il profumo di un libro mai aperto, lasciato a dormire sull’angolo chiuso al sole della bancarella. E lì dove si spengono le stelle cominciamo noi, e’ una abitudine. Gli spilli ci infondono poca fiducia nei mestieri della Terra, perche’ non c’e’ riposo per chi gioca in difesa. Per chi si difende in divisa. E noi siamo l’ancora strappata al natante, trascinata come aratro impazzito al fondo del mare. Un pesce palla ci sfiora il viso, e trasaliamo sapendo bene che lì dove finisce la mia bocca comincia la tua, lì dove esce il tuo fiato cominciano le mie labbra, lì dove si arrotolano le nostre parole perdiamo ogni senso e sentimento in favore dell’adesione ad un pigiama party. E mentre spremo un acino d’uva usandone il succo come s’userebbe il collirio penso, che l’identita’ e’ una forma risibile di assicurazione. E che noi non voliamo, non corriamo, non strisciamo, non ci aspettiamo. Non cambiamo l’olio ai freni della macchina, ne’ le cinghie e nemmeno i filtri del motore. Non studiamo situazioni, non indiciamo elezioni. Non freddiamo piccoli fiori con stilettate umide e viscose d’altri mali. Non nasciamo, no. Noi accadiamo. Inevitabili e inattesi come l’ombra della sera, quando il giorno ti ha fatto innamorare e il profumo del mare ti asciuga la meraviglia colata giu’ coi ricordi. Ecco, sbadiglia. Sorridi. Chiudi gli occhi. Roma brucia.

31 commenti:

  1. @amore immaginato ispirato :)

    RispondiElimina
  2. :) accadono sorrisi che incendiano anche le parole in bocca.. (eri)

    RispondiElimina
  3. @anonimo ..e intanto Eri sempre piu' l'eroina di questo blog.. (e no, non solo per l'acconciatura alla Giovanna D'Arco):)

    RispondiElimina
  4. Eri ha detto...
    Onoratissima.fosse anche solo perchè quando il segretario apre l'ufficio e attacca a bere la sbronza poi inspiegabilmente sono io :)).. mah, va a sapere, st'effetto placebo.. (anonimo)

    RispondiElimina
  5. @anonimo chiedi ad Eri se per caso anche il mio post sbornia di oggi e' un effetto placebo....

    RispondiElimina
  6. che Eri gli ha detto che si riferiva proprio a quello :)))

    RispondiElimina
  7. ..ecco, mi pareva ci fosse una assonanza. assonate piu' piano cari, qui dentro mi rimbomba un effetto placebo con tanto di reverbero a palla :)))

    RispondiElimina
  8. ahahaha...registra!! altro che Shonberg e Cage..(sciomberg si scriverà così?:))

    RispondiElimina
  9. massi', piu' o meno.. :)) (hai ragione metto un microfono su ogni orecchio e lo consegno ai posteri)

    RispondiElimina
  10. ps vado un attimo a decapitarmi...

    RispondiElimina
  11. noooooo... non farlo, ripensaci! sono solo una povera sbronza, non darmi retta.. zittiscimi piuttosto! :))

    RispondiElimina
  12. ...sssshhhhhh, sbadiglia. Chiudi gli occhi. Sorridi. Roma brucia.... :)))

    RispondiElimina
  13. bello.
    Pigi e Marta. le ultime scene, prima del baratro.
    mi hai fatto ripensare al film Lavorare con lentezza
    ciao Alpexex :-)
    (Anna)

    RispondiElimina
  14. @Anna sai qual e' la differenza tra tuffarsi e precipitare? :) (in quanto al baratro direi... qualcosa di profondo, in fondo :) )

    RispondiElimina
  15. ...confini tracciati sull'onda dell'emozione...

    RispondiElimina
  16. @luisaluz con Gavroche nel cuore

    RispondiElimina
  17. bellissimo, letto tutto d'un fiato

    RispondiElimina
  18. @Sottile_Gioco su Leave Me Alone piu' che altro c'e' roba alla tequila bum bum ;)

    RispondiElimina
  19. :-)...
    tra l'altro, voglio anch'io lodare le foto , davvero sempre suggestive e d'effetto! Bravissima Anita...!!

    RispondiElimina
  20. @luisaluz se non l'ho fatto mo ti giro il contatto fb.

    RispondiElimina
  21. Questo post è pieno di immagini bellissime! Insomma, c'è poco da stare a dire...fatti fare i complimenti!

    RispondiElimina
  22. Beh, adesso Roma annega... pure. :-) ( Bel post). Sucre

    RispondiElimina
  23. @Marla.Singer riferisco i complimenti al blog.. :)

    RispondiElimina
  24. @Sucre si ma anche qui c'e' gia' un tale in impermeabile giallo che lavora alacremente ad un barcone in legno. autonomia 40 giorni e 40 notti, va dicendo. non ho capito se il riferimento sia alla tenuta della sua vescica o a cosa d'altro....

    RispondiElimina
  25. Finalmente sono riemersi i tuoi quadri, sempre magistrali

    RispondiElimina
  26. Comunque sia, sempre meraviglioso. (sucre)

    RispondiElimina
  27. ah, però... (anche l'approvazione dei commenti adesso? Da quando sei diventato tiranno? ... scherzo. :-)) Già mi facevano impazzire le "parole verifica" per poter postare il commento... Le più originali della rete. :-)
    ciao! Sucre.

    RispondiElimina
  28. @Sucre si, ieri e' capitata una pazza che mi e' venuta ad insultare qui sopra. poco male, non fosse che darle spago mi pareva controproducente... LMA e' agli sgoccioli... perche' guastarlo con la gelosia feroce dei folli? :) un bacio m. R.

    RispondiElimina