mercoledì 28 settembre 2011

Banco del mutuo doloso


(Foto di Francesca Anita Modotti)


Manchiamo decisamente di metodo, ecco, e non saprei nemmeno dire perche'. A scoprirlo avrei giusto bisogno di un metodo. Il fatto e' che la strada curva. Sdrucciola in discesa mentre schernisce i ponti li' in fondo alla valle . E quelli stanno muti, invecchiati, impotenti, letteralmente cancellati nella prospettiva, dal cemento dei cavalcavia.  Comunque andiamo, giochiamo, viaggiamo, facciamo raccolte di more selvatiche ai bordi del sentiero. Le nubi colano sulle pareti. Piuttosto che noi, il segreto del mondo lo conosceranno le rocce, che infatti non si interrogano. Ci scrutiamo negli occhi e resta taciuta la certezza che nessun segreto in realta' ci sia da conoscere. Sgomenti, guardiamo le nuvole e ormai quelle rivestono per meta' le montagne scoscese ad urlo. Ci prendiamo per mano convinti che sia la sola cosa da fare. Ci lasciamo al primo incrocio, o cento anni piu' avanti, con la stessa convinzione. Chiamarlo amore ci uccide. Dirne che ha un principio d'ordine, una disciplina, ci svena di rate e di mutui accesi come s'accendono gli incendi nei boschi: in maniera dolosa. Con impegno. Con grande profusione di combustibili, carburanti e detonatori. E' vero, un detonatore lo fai con pochi centesimi (una sigaretta, qualche fiammifero, un laccio o un po' di nastro isolante). Ma sono solo nozioni queste, mentre fare il bombarolo e' una vera vocazione. Una resa al metodo. Alla bugia che esista un segreto sotteso alle cose. Qualcosa da cercare. Chiedilo a queste pareti rocciose, a questa fessura tra le montagne. Cosi' ho poggiato il palmo della mano sulla pietra.  E in un punto piu' stretto, allo sbocco della valle, li ho poggiati entrambi, mettendomi in croce tra i denti del canyon. Non la senti l'energia statica? Ti ho chiesto. E tu hai riso. Perche' non ci sono segreti da svelare a questo mondo e anche il metodo e' una bugia. Lo usiamo come si usa il bastone nei tratti in salita. Picchiando in pianura tra le serpi, facendo rumore. O magari incrociandolo dietro la schiena, quando l'ombra dei pioppi di sera traveste la strada. Ecco, a noi non interessa. Noi rallentiamo il passo, fingiamo sia presto.

7 commenti:

  1. E' la parola "mutuo" che mi mette l'ansia.
    Chissà poi perchè. :p

    Per quanto riguarda il resto..
    Mi piace molto come scrivi.
    Non aggiungo altro. ;)


    ps; Ma è indispensabile la parolina da scrivere prima di pubblicare il commento? E' na gran rottura di balle. Grrrrrrrrr!!

    RispondiElimina
  2. @STORM ah non me ne parlare! non ho ancora capito come funzionano le cose qui su blogger. Cinzia per esempio, che in genere scrive da anonima, oggi non riesce proprio a commentare. io su alcuni blog devo scrivere la "parolina" e su altri no. inoltre fino a quando non ho cominciato ad usare google crome commentare altri era praticamente impossibile.

    RispondiElimina
  3. ps il mutuo non s'accende per autocombustione, qualsiasi cosa ti dicano...

    RispondiElimina
  4. ..."Rallenta il passo" s'intitola una mia poesia, che ha dato il titolo al mio primo libro...Un invito a soffermarsi per guardare meglio...anche quando le nubi sembrano offuscare tutto...anche se a volte sembra davvero che non c'è più nulla da cercare, da scoprire...

    Rallenta
    il passo,
    guardati dentro,
    non prosciugare
    un’altra attesa.
    Tu sei nel mondo,
    la vita abbonda
    e ti circonda.
    Buttati dentro.

    RispondiElimina
  5. @luisaluz ehi guarda caso qualcuno me ne mando' una copia.. :)))

    RispondiElimina