mercoledì 31 agosto 2011

Sabato torinese







Prendo al lazo l'empieta' d'ogni discorso e taccio, in attesa che il vento cambi e che mi consenta un silenzio parlato. Il vento e' capriccioso, mai servizievole. E' al capriccio che tocca agganciarsi. Si tende la vela, la vela si gonfia, pavidi schizzi di schiuma inebriano l'imprenditore. Pure qua fuori si sente come Salgari nel buio della sua Torino. L'operaio lo guarda in cagnesco, non tanto per lo sbuffo d'aria e sale, quanto piuttosto per la manifesta incapacita' a sapersi sopportare. A sapersi immaginare e sognare. Due dita accarezzano il vetro. Siamo qui per capirci, per sondarci, per sfogarci. Non altro. Nella radura si accumulano nubi scure, blocchi neri senza ricordi, confusi in un momento tra quello che sara' domani, se sara', e cio' che immancabilmente o forse e' stato anche ieri. Morire e' un lampo, mi ricordo di pensare. Cosi', assaporo la mela staccata dal ramo e la vita e' un istante, mi ricordo di sperare. Precisamente quello che sta per arrivare. Il vento e’ acre, adesso. Mi scivola addosso. Io rincorro il primo toro. Quello mi guarda e carica. Non e' l'immagine di un mito che m'innamora. Non e' l'orgoglio del coraggio. E' la bocca attaccata al flusso d'acqua qui su in montagna. E' il calore del fuoco nella notte. La luce del rogo.
Danzano le streghe sopra al prato. Le ombre mi parlano di tutto cio' in cui ho vissuto. Di tutto cio' in cui ho mancato

15 commenti:

  1. Peccato non sappiano raccontare il futuro, le ombre.
    (piaciuta Torino?)

    RispondiElimina
  2. i deliri sono sempre una buona giustificazione!

    RispondiElimina
  3. da qualche parte ho letto che le ombre non fanno male ,ciao alpe !

    RispondiElimina
  4. @amore immaginato per fortuna, anzi :). e comunque io non ci crederei. (da sempre e per sempre :))) )

    RispondiElimina
  5. @Marta ho due libretti delle giustificazioni residuato bellico dei tempi della scuola superiore. ogni tanto me li guardo e cerco di capire quali siano le firme di mia madre e quali quelle falsificate.

    RispondiElimina
  6. @soleiniside ciao e ben tornata:) io invece ultimamente ho cantato che le ombre affilate sulla strada col tempo cominciano a fare spavento :))

    RispondiElimina
  7. Beh, io non so da dove arrivi e dove vai, ma sappi che se dovessi passare o essere o vivere o convivere in quel di Torino, potrei coinvogerti in un coffee break!
    (chiaramente avendo coscienza della tua presenza in loco!!)

    RispondiElimina
  8. @Amore Immaginato ah bon, ti ringrazio. quando mi ricapitera' di passare da Torino ti faro' sapere. chiaramente se dovessi capitare te invece in queste lande adriatiche, il caffe' lo offro io... :)

    RispondiElimina
  9. ...ti ho sentito passare... :-)
    Ciao grande Kap...

    RispondiElimina
  10. p.s.: non capisco perchè il mio avatar sia sparito...ora sono un segnale di pericolo!!!
    :-))))))

    RispondiElimina
  11. @luisaluz sei pericolosa!!! (eco lontana grande Luisa, ma devo ammettere che i passi fatti a Torino risuonano in maniera persistente)

    RispondiElimina
  12. ...ahahah...che paura.... :-)))
    (ci restano dentro i luoghi del nostro sentire più profondo...)

    RispondiElimina
  13. @luisaluz io a Torino sono colato sopra i muri e non e' stato ancora possibile rimuovere i residui....

    RispondiElimina
  14. a volte stento nel capire quello che scrivi...non so mai se interpretarlo o lasciarlo scorrere...
    come il ghiaccio!

    p.s.
    anche io stento a capire quali siano le firme falsificate o quelle originali

    RispondiElimina
  15. @Marta stentiamo, questa e' la verita'... :)

    RispondiElimina