venerdì 23 settembre 2011

Paolo e Francesca - Malinconica enigmatica


(Foto di Francesca Anita Modotti)



Piangevi, lo ricordo, e le lacrime bagnavano il cuscino. Io dormivo al tuo fianco ma ti sentivo, nell'eco di zuffe e cavalloni sulla riva di un sogno ricorrente. In quello indossavi un costume grigio, due triangoli di stoffa sopra i seni e non capivo piu' da quale parte arrivassero i sospiri. La testa mi girava e tutto intorno era maggio, col caldo in anticipo sugli eventi. A scuola ci aspettavano, sempre piu' spesso invano, finche' non ci aspettarono piu' e rassegnati programmarono gli esami sulla nostra stessa assenza. Mia e tua, di Paolo e Francesca. In un riluttante apologo del terrore, fermo restando che nulla avrebbe inciso sul rendimento. La strage degli innocenti, cosi' preparata, ci apparve un giorno tra gli scogli e la risacca. E tu pensavi a coltivare il grano sopra al mare, come in una canzone che non volli mai provare ad imparare. Tremavi, questo e' vero, sotto la sabbia spostata insieme al sale. E io ti baciavo e non sapevo che sapore avrei serbato di te nella memoria. Poi venne l'anno dei rimpianti e te nel letto, ed io con te a fare coppia di diamanti sulla teca. Una casa, senza finestre, senza arredi. Un posto piu' onirico degli altri. Ma intanto io dormivo e tu vegliavi, entrambi dentro i sogni d'altri mali, e viaggiare sulle onde in mezzo al grano fu un obbligo a cui doversi abituare. La mattina, a me restava sopra gli occhi ancora il sale raccolto nelle lotte sulla spiaggia. A te, restava il sale delle lacrime sopra il viso, sulle labbra, sul sorriso teso, tirato, al cui accesso sono state smarrite le chiavi. Cosicche' ad assaggiarti mi chiedevo se anche tu, invece di piangere al cuscino, ogni notte, con me, nuotavi.

18 commenti:

  1. affinità elettive ( Cinzia)

    RispondiElimina
  2. Ci sono volte, in cui non ho parole da offrirti...

    RispondiElimina
  3. ...emozione pura leggerti...
    grazie ...

    RispondiElimina
  4. Mi servirebbe una nuova ricetta per la
    torta al limone, in molti sostengono che una dose di yogurt nell'impasto riesce a fare la differenza.
    (Oramai sono troppo vecchia per riesaminare
    Paolo e Francesca) :p

    Buon week-end

    RispondiElimina
  5. @Cinzia i dolori del giovane alpex

    RispondiElimina
  6. @amore immaginato e una lanterna?

    RispondiElimina
  7. @Luisaluz macche', grazie a te grande Luisa.. :)

    RispondiElimina
  8. @STORM un riesame di paolo e francesca e' possibile solo (forse) in tarda eta'. come dire a mente fresca. per la torta al limone io suggerirei di farla al cioccolato.

    RispondiElimina
  9. @amore immaginato minkia. e bon se c'e' solo quello...

    RispondiElimina
  10. (una sigaretta... manco una canna)

    RispondiElimina
  11. (è che io collasso...sai ormai c'ho un'età!)

    RispondiElimina
  12. @amore immaginato la fumo io, mica tu. tu la offri e basta...

    RispondiElimina
  13. I posti onirici io li vedo bianchi... ed hanno stanze in cui dipingere ogni lacrima che cade...
    vi immagino splenditi ad ammirarvi, su di un letto con lenzuola pallide.

    La Firenze di Adele, Cristina e Gabriele è una Firenze intaccata a quando pare...buffo come, a volte, ci si stacchi dalla realtà standoci dentro.

    RispondiElimina
  14. @Marta ad esserne sicuri che ci stiamo dentro... :)

    RispondiElimina
  15. @Marta.Singer Leave Me Alone vanitoso ringrazia :)

    RispondiElimina