lunedì 7 novembre 2011

NOTTE HORROR LMA – FRESCHI FRESCHI (FILONI, SPAVENTI E DEFUNTI)


(Ghost's Memories di Francesca Anita Modotti)




Sta come si sta nell'odore di bocca di vecchia, di scialle viola e coperta che con labbra premute contro, e sudore, e rami di pelle divelti, si diffonde in tutta la stanza dove lei dolente sbianca, e intanto sputa la lana, si dondola e canta. Schiva, gli sguardi e il raggio di sole e l'aereo scuro che ci ronza attraverso lascia partire con apparente distacco. Ma non nasconde il suo nome, ne' l'umore teso come l'incombenza di dire, di fare, di scoprire un senso a cio' che e' stato oltre il limite, quella volta che aveva da fare e non l'ha fatto, non ha detto niente, quando scusando le peggiori defezioni e mordendosi la lingua, girata di spalle, mentre partiva, ha gettato un ultimo respiro verso il cielo, che se l'e' mangiato. E se ne e' nutrito per i secoli polverosi a seguire piovendole addosso. Un paradosso per l'inflessione della voce che cigola appresso a quel che il mondo ha rimosso. E intanto lei sta, e pesa le pause raccattate lungo gli spazi vuoti nei ricordi. Non prende slancio ma fa un balzo da ferma poggiando il peso degli anni sullo spavento. Si solleva e la stanza tramuta in forno, il tempo cambia, s'arrotola fino al punto in cui racconta. Una volta stavamo al forno, dice, a fare il pane. Io mia sorella e una sconosciuta. Noi avevamo la carne calda, piccole dita tozze e callose, rosse le guance, tanto sangue nei polmoni e nel cuore. La sconosciuta invece doveva essere di un'altra razza. Una cittadina sfollata forse, che' c'era la guerra e i paesi brulicavano di inadeguati in fuga. Alta e pallida lamentava il gelo nelle mani. Mormorava la lagna di non riuscire ad ammassare, con l'impasto molle che non cresce, che non lievita. Cosi' l'abbandonammo coi filoni cotti sotto al braccio e ancora lei era li' a lavorare. L'abbandonammo e ricordo pure l'odore del nostro pane. E il suono a morto che incontrammo in paese quando ci accolsero le campane.

10 commenti:

  1. "Si sta come d'autunno,sugli alberi,le foglie."

    I tuoi post mi fanno fare sempre associazioni strane!

    RispondiElimina
  2. @Lilith su LMA cara, bisogna arrendersi a cio' che normalmente si considera strano...

    RispondiElimina
  3. ps occhio, LMA e' affetto da una strana forma di schizofrenia virale....

    RispondiElimina
  4. Mi ci sono arresa già e senza troppe storie ;)

    ps. sai che mi sarebbe piaciuto studiare psicologia???

    RispondiElimina
  5. @Lilith e non l'hai fatto? non ti sei persa niente... :)

    RispondiElimina
  6. No mi son data all'architettura ;)
    beh mica vers,forse avrei evitato delle associazioni strane :D

    RispondiElimina
  7. @Lulith ti assicuro che no :) e poi le associazioni strane sono BELLE!!!

    RispondiElimina
  8. brrrrrrrr.... :-)
    filoni freschi freschi di nottata...
    ;-)

    RispondiElimina
  9. @luisaluz :) ma che brrrrrrrrrividiiiii

    RispondiElimina
  10. ...brrrrrrrrrrrrrrrividi inFernali.... ;-)

    RispondiElimina