domenica 3 luglio 2011

Tiro al bersaglio - Accordi in quinta dimensione


Evidentemente c'e' qualcosa che non capisci. Qualcosa che ti sfugge. Un lato della luna che credi d'aver compreso e che invece sei tu stessa, senza remissione di peccato. Informati meglio in stazione. Dovrebbe esserci un treno scomodo col quale si puo' sempre arrivare. Certo, con ritardo. Ma col ritardo giusto. Applicami un filo di schiuma tra i riccioli e aspetta, e non troppo a lungo che' la sentinella ti guarda impaziente. Ha bisogno di un movimento, uno qualsiasi, per poterti sparare. E tu che fai? Ti vesti da piccione. Brava! Meglio pure che da piattello. Certo, come piccione valuti male le traiettorie. Dovresti curvare prima della linea dell'orizzonte, prima che l'occhio del falco incontri il riflesso sul mare. Tanto da permettergli di centrare il colpo per poi guardarti precipitare, in un attimo di tempo sospeso e felice come quello di un bambino. E' questo il segreto che ignori, cara: il fallimento di un tiro s'addebita al bersaglio prima ancora che alla mira del cecchino.


(Fotografie di Francesca Anita Modotti)

28 commenti:

  1. CINZIA e se la preda fosse il cecchino?

    RispondiElimina
  2. in caso di colpo fallito la colpa ricadrebbe sui suoi piedi.

    RispondiElimina
  3. è un guardarsi dentro ed ammettere le proprie colpe,invece di seguire la strada piu' semplice che è quella di colpevolizzare sempre gli altri.vittima e carnefice uniti dalla stessa sorte,forse.

    RispondiElimina
  4. @soleiliniside quando si dice "colpa" ci si e' gia' chiusi in una dicotomia, prima ancora di definirne i termini ed esserne consapevoli. poi, chiaro, c'e' chi trova conforto nel tormento. ma non e' il mio caso... :))

    RispondiElimina
  5. "il fallimento di un tiro si addebita al bersaglio prima ancora che alla mira del cecchino" Certo che si, l'addebito è giusto perché quando uno si veste da piccione, davanti ad un falco, vuole essere bersaglio ed il non essere centrati, per un bersaglio, è un fallimento. Come sempre sei grande, alpexex.

    RispondiElimina
  6. @annalì un grande... bersaglio??? paura!!! :))

    RispondiElimina
  7. :)nemmeno il mio.se è il caso assumersi le responsabilità dei propri errori,eventuali sensi di colpa,logorano soltanto,ho dato una chiave sbagliata al tuo post,volevo dire che spesso i ruoli vittima carnefice si confondono...e comprendo quando mi scrivi di dicotomia.

    RispondiElimina
  8. @soleilinside e chi lo dice che una chiave e' sbagliata? guardarsi dentro guardare fuori guardare dentro e fuori. quello che conta sono gli occhi, per cominciare. se ci metti un filtro, colori ogni cosa con quel filtro.

    RispondiElimina
  9. E se uno ci vede poco gli tocca usare il quinto, il quinto e mezzo e il sesto senso.

    RispondiElimina
  10. @anonimo e se non li ha puo' chiamare dylan dog, o il bambino di quel film.

    RispondiElimina
  11. Le persone che non capiscono sono sempre tante e troppe e allora le cose più che spiegargliele bisogna fargliele vedere ...

    RispondiElimina
  12. @Elys ehm... mi vesto da piattello, un attimo... :))

    RispondiElimina
  13. Bellissima la metafora del piccione e quella del treno :)

    RispondiElimina
  14. @E. le metafore ringraziano vanitose.. ;)

    RispondiElimina
  15. Niente cane ma li ho convinti per un gattino :)

    RispondiElimina
  16. No dai io ho una pessima mira, però magari se ti metti un piattello enorme in testa lo prendo :D

    RispondiElimina
  17. @Elys aspetta, ti aiuto: mi sparo da solo! :D

    RispondiElimina
  18. la cosa migliore, per me, sarebbe prendere quel treno

    RispondiElimina
  19. @sorella certo, con ritardo. ma col ritardo giusto...

    RispondiElimina
  20. Bene! più siamo meglio è. Quindi gli orari alla fine chi li guarda?

    RispondiElimina
  21. @Anonimo beh io direi che il piu' adatto di tutti e' il falco, o al limite sua sorella lince.

    RispondiElimina
  22. ...essere bersaglio è il possibile destino di chi fugge...

    RispondiElimina
  23. ah beh, anche di chi avanza... ("mamma non pianger se c'e' l'avanzataaaaaa" comincia cosi' la canzone orribile con cui ho condiviso il titolo di un post qualche giorno fa)

    RispondiElimina
  24. sì, certo...anche di chi avanza...ma chissà perchè io questa donna la immagino fuggitiva...probabilmente per via della sentinella... :-) e del treno in ritardo che le consiglia chi scrive...un'ironica soluzione...

    RispondiElimina
  25. della tua, anche della tua, immaginazione si nutre chi qui scrive.. :)

    RispondiElimina
  26. :-)quante sfaccettature grande Kap...!!!

    RispondiElimina
  27. si spera infinite, grande Luisa :))

    RispondiElimina
  28. :-)))) sì, si spera infinite....

    RispondiElimina