lunedì 22 agosto 2011

Raccolta differenziata (post commerciale)




(Laura Carlotto)


Sono stanco delle indagini patrimoniali, della pesca alla fiera in paese, dei carotaggi spinti in aree desertificate e sotto pesi esorbitanti di liquido in moto. Sono stanco degli sguardi insinuati leghe e leghe sotto il mare e dei gabbiani, studiosi del paesaggio e immancabilmente finiti a scegliere la prima discarica a cielo aperto, con mosche, residui ospedalieri e fumi gialli sprigionati manco fosse l'inferno. Li' dove nasce il Tevere mi spinsi e anch'io fui gabbiano, e' vero. Stanco e pronto per arrendermi frollato tra le altre carogne. L'organico e l'inorganico nel punto in cui il silicio si fa carbonio e il carbonio si confonde col silicio. Respirai pelli rosate e lisce, finche' mi accorsi di un polmone bucato. E rifiutai d'accontentarmi d'esseri spersi a cui il primo sguardo mai basto' ad innamorarsi. Sono stanco e in verita' un giorno lo ricordo bene, di tutto questo sale. E' quello che mi fa dubitare, suggerendo altri mondi esistenti. Che’ altro al mondo c'e'. E di quel girono ricordo pochi istanti. Io uomo in fuga e lei, viso perso. Incrociati gli occhi dove il passaggio conduce dall'asfalto al mare. E sono stanco di pensarci. Adesso vorrei che venisse il caldo a frollarmi ancora. A invischiarmi coi rami, a fustigare la carne morta. E sono stanco di pensare che l'unico pregio di quella vita fu non venire consumata all'atto. Un saluto taciuto, taci sorriso mio, fatti ritegno. Ogni tegola che aggiungo a riparo del tetto m'accorgo, e' uno spirito inferocito rinchiuso in bottiglia. Amo ogni genio che vive prigioniero. Il mondo non resisterebbe, mi dicono, se tutti insieme, essi, venissero liberati. Ed io sono stanco di differenziare la raccolta. Vorrei essere un drago, oggi, e che tutto ardesse dell'istante in cui comincia.


ps


"Caro Guido, 
oggi che compi diciotto anni, voglio raccontarti cose che non sai ed esprimerti sentimenti che non conosci. I tuoi nonni appartengono a quella generazione che attribuisce a ogni data un valore speciale e particolare. La nascita di un nipote è una di queste date (...). Oggi stai festeggiando i tuoi diciotto anni sotto un altro nome, accanto a un uomo e una donna che non sono tuo padre e tua madre, ma i tuoi ladroni. Loro neppure immaginano che la tua mente custodisce le ninne nanne e le canzoncine che Laura ti sussurrava, sola nella prigione, mentre tu ti muovevi nel suo ventre. Un giorno ti sveglierai, scoprendo quanto tua mamma ti amò e come tutti noi ti vogliamo bene. (...). Ti sveglierai un giorno da questo incubo, nipote mio, e sarai libero.Con tanto amore, nonna Estela" 

(Estela Carlotto, lettera al nipote sconosciuto, figlio di Laura, e nato probabilmente nma della polizia politica poco prima che sua madre venisse assassinataella caser)

43 commenti:

  1. libero è ogni uomo che non ha più legàmi! libero è ogni essere vivente forse quando muore!

    RispondiElimina
  2. non siamo, non abbiamo. al limite stiamo.

    RispondiElimina
  3. ps quindi? la nonna di guido...?

    RispondiElimina
  4. ogni tanto bisogna bruciare tutta la casa...e ricostruirla!

    RispondiElimina
  5. @Marta in genere costruisco capanne proprio perche' bruciano facilmente.. :)

    RispondiElimina
  6. faccio fatica alpexex a collegare il post al post scriptum...(e poi non era Laura Estela, sorella di Claudia, ad essere stata assassinata?)

    RispondiElimina
  7. @Anna ops!!! (sul collegamento tra post e ps.... non ci deve essere per forza anche nella tua testa...)

    RispondiElimina
  8. ...tracce lontane ...Un incontro di sguardi a volte dura più di una vita intera...

    Cercano di rintracciarli, i nipoti rubati....ne hanno trovati 101...(dato del marzo 2010)...

    "...Estela Carlotto ha confermato che il reparto di nascita clandestino dell’Esma riceveva donne incinte anche da altre strutture. Un reparto ben pianificato dall’ammiraglio Massera, dove appena nati i bimbi venivano strappati alle loro madri. Ore contate per le povere puerpere, da quel momento in poi, mentre per i bimbi scattava il trasferimento verso nuove famiglie, spesso di militari. Un prete, ha confermato Carlotto, ci disse che in alcuni casi erano state pagate somme non indifferenti dai genitori adottivi. Solo il 15% di questi casi riguarda adozioni legali. Il resto è stato un commercio di bambini vile e scellerato. “Così non crescono come i loro padri, e non divenderanno sovversivi”, avrebbe spiegato un militare golpista...".

    Da : http://www.brogi.info/2010/03/estela-carlotto-racconta-io.html

    RispondiElimina
  9. @luisaluz una crudelta' da coglioni, tra l'altro. "se fosse facile cosi', uscirei tutte le sere con brigitte bardot". (merci grande Luisa)

    RispondiElimina
  10. ....già...la crudeltà è sempre da coglioni...La mente accecata dalla crudeltà non ragiona...
    (Merci a vous grande kap)

    RispondiElimina
  11. ok alpexex, niente causa-effetto o azione- reazione quindi, ma danza di suggestioni ;)

    RispondiElimina
  12. @Anna ...e chi l'ha detto? :))) nella mia testa la catena causa-effetto che conduce dal post al ps e' quasi tintinnante.

    RispondiElimina
  13. così non mi aiuti a capire alpexex :(

    RispondiElimina
  14. @Anna nn so che dirti. forse potrei raccontarti che qualche giorno fa qualcuno mi ha detto che sarebbe impossibile liberare tutti nello stesso momento, perche' il mondo a questo non sopravviverebbe. ma non so quanto possa aiutarti a capire.

    RispondiElimina
  15. Giuro che non l'ho fatto apposta, ma girando e girovagando tra un blog e l'altro ho cominciato a seguire l'immagine del tuo avatar e son capitata qui.. tutto ciò mi ricorda qualcosa.. :)

    RispondiElimina
  16. @SongBook dici il vagolare per blog o il mio attuale avatar? :)

    RispondiElimina
  17. L'avatar.. quello che leggo scritto quassù.. la tua nick.. tutto molto familiare :)

    RispondiElimina
  18. eh carissima, non si dovrebbe mai girovagare per blog.. e' una attivita' che fa malissimo. e tu dovresti saperlo... :) (ed io che pensavo fossi rinchiusa a san patrignano!!!!)

    RispondiElimina
  19. Eh... infatti non è mica un buon segno che io stia qui a girovagare.. anzi, non è proprio un buon segno che io sia collegata in rete... dagli errori si dovrebbe imparare, e invece .. io non imparo mica (almeno in questo caso) .. San Patrignano??? ..non sto ancora messa così male su :)

    RispondiElimina
  20. beh pero' a quanto pare la disintossicazione fai da te non ha mica funzionato... se sei di nuovo qui! :))) (per me e' diverso, io SONO san patrignano... :))) )

    RispondiElimina
  21. Eh no, non ha funzionato :) ..beh.. a parte gli scherzi.. avevo bisogno di tornare a scrivere.. certo non immaginavo che fra tanti utenti avrei trovato proprio te.. sarà un caso? :)

    RispondiElimina
  22. beh no, un caso non direi. ma ho visto sul tuo nuovo e come sempre splendido blog... di "vecchi vizi" ne hai gia' incontrati altri :)

    RispondiElimina
  23. ps ma sai che si scrive anche senza pubblicare in rete? pero' non darmi retta e resta: se non pubblichi poi uno non ti riesce a leggere---

    RispondiElimina
  24. Grazie, sempre troppo buono :) La verità è che sto incasinata fra un vecchio vizio ed uno nuovo ... a tener tutto dentro si finisce per esplodere.. e io ne sono un classico esempio.. motivo per cui scrivo.. che a parlare mi vien difficile :)

    Ps: Il fascino del blog è proprio quello... si spera che "qualcuno" casualmente legga..

    RispondiElimina
  25. e torniamo al "caso", nel quale io ho scarsa propensione a credere... ps non e' bonta', e' gusto. e il mio l'incontri proprio. se non ci credi, guarda che avatar indosso.. :)

    RispondiElimina
  26. Ho usato il casualmente, perchè non è detto che il qualcuno in questione sia a conoscenza che scrivo di lui.. attento che ho una mente contorta :)

    Ps: Mi ha fatto tanto piacere ritrovare quell'immagine proprio nel tuo avatar.. del resto è per te e per il tuo brano che l'avevo creata..

    RispondiElimina
  27. ah se e' per quello usiamo ancora Ormai e' fatta, anche.. :) niente di meno! non avevo proprio capito quel "casualmente"..! diobono Lemure, se sei contorta :))) (sempre saputo).

    RispondiElimina
  28. :) so che tu sai... comunque ho ancora tutto.. immagini, brani, vecchie mail.. anzi, visto che ci sono, ti lascio un link.. così guardi le mie ultime cose.. anche perchè non voglio ancora abusare del tuo blog per fare conversazione :) (bellissima conversazione tra l'altro).

    Qui c'è il link:
    http://storminreverse.daportfolio.com/

    RispondiElimina
  29. (se hai ancora tutto puoi scrivermi anche in privato quando vuoi, e' sempre un piacere). vado a vedere

    RispondiElimina
  30. diobono sei diventata BRAVISSIMA!! mi ricordo ancora di quando mi mandasti la prima cosa su quel racconto che ti geci leggere. s'era capito da subito che eri un portento :)))

    RispondiElimina
  31. :) dici? Grazie.. di cuore.. si, in effetti sono migliorata parecchio da allora.. ma la strada è ancora lunga.. e non ho ancora i mezzi giusti per lavorare come si deve.. tra l'altro ultimamente sto un po' bloccata, ma chissà..

    Ps: Certo che ti scrivo, fa piacere anche a me.. Adesso scappo ma nei prossimi giorni, prima possibile, ci si sente.. :)

    Un bacio, Alpexex

    RispondiElimina
  32. spesso scegliamo le vie più semplici...che non è affatto sinonimo di corretto!

    RispondiElimina
  33. @Marta per non parlare delle nostre valutazioni di umani. da qui e' impossibile capire cosa e' errore e cosa no, e cio' che sembra semplice ha implicazioni che nemmeno sappiamo immaginare

    RispondiElimina
  34. @Occhio.Cavo la liberta' e' una fUnzione sociale. si rende palese solo quando si entra in vista di altre persone o altri elementi. e consiste nella modalita' d'approccio che si sceglie di attuare nei confronti del prossimo. obbligare vs non obbligare. ossia, la liberta', si risolve spesso nella capacita' che ognuno puo' coltivare di lasciare agli altri il tempo il modo e la possibilita' di essere... liberi. in questo, se vuoi, e' molto simile all'intelligenza.

    RispondiElimina
  35. @Occhio.Cavo ps per la serie ....intelligenza e liberta', queste sconosciute... :))))

    RispondiElimina
  36. é una mia opinione.non capisco perchè te la sei presa tanto.

    RispondiElimina
  37. @Occhio.Cavo ???? no, guarda che non me la sono presa per niente!!!!

    RispondiElimina
  38. @Occhio.Cavo anzi, grazie per avermi dato lo spunto per replicare parlando di cio' che della lierta' trovo interessante.. e poi in fondo, che differenza c'e' tra cio' che pensi tu e cio' che penso io? una misera vocale :))))

    RispondiElimina
  39. @Occhio.Cavo pps e anzi ancora, se vuoi aggiungere altro alla tua opinione... io non posso che esserne lieto e felice.

    RispondiElimina
  40. ok,avevo frainteso allora.
    la maggior parte delle volte che si parla di libertà poi si finisce a parlare della "libertà di..." opinione,religione,quel che vuoi.e, ormai, ora la libertà par più un menefreghismo: "ognuno é libero di far ciò che vuole".mi pare così banale e vuoto.

    RispondiElimina
  41. @Occhio.Cavo beh la liberta' che descrivi tu e' quella di un concetto che per fortuna ho superato da parecchio tempo e con molta facilita'. del resto, se la liberta' e' fare tutto cio' che uno vuole, allora il massimo grado di liberta' si realizza in due casi: A quando stai da solo. allora si che fai tutto quello che vuoi, ma non sei libero, perche' per quello stato di cose la parola gia' c'e' e non e' liberta', ma solitudine. e B quando hai potere totale sugli altri. il che si traduce nel fatto che piu' libero e' chi piu' opprime gli altri. e questa e' uan contraddizione bella e buona, anche perche', pure in questo caso, la parola per definire quello stato gia' esiste, non e' liberta' manco sta volta, ma piuttosto e' potere. quello che e' il mio concetto di liberta' gia' te l'ho esposto piu' su. o meglio, quella che e' la manifestazione della liberta' che mi interessa. bon, chiarito il punto... tirem innanz

    RispondiElimina