venerdì 11 novembre 2011

Breve discorso tumorale intorno a fari e destino


(Fotografia di Francesca Anita Modotti)


"Quando illumina la notte senza una scusa
tutto quello che raggiunge brucia"
("10 anni piu' vecchio", Centro Sociale Trakkignani)



Ecco, alla fine il tempo ha parlato. Ha fatto il suo primo accenno. Adesso non so che pensare. Perche’ questo, comincio a crederlo seriamente, deve essere un qualche cazzo di tumore. Dite che faccio il tragico? Ah beh non lo so. Certo che voi non state nella mia testa, e quindi mica lo sapete cosa vedo da qua dietro… E se anche a voi apparissero fantasmi in sogno? E se anche voi foste in comunicazione con qualche altro malato che nel cervello ha una roba ma nessuno sa bene cos’e’? Perche’, e credetemi, so quel che dico, nessuno ha una precisa idea di che ci sia nel cervello e ancora di piu’ nessuno ha una neppure vaga idea di chi ci abiti. Beh, se cosi’ fosse? Se apparissero pure a voi mali e rami ben pasciuti di fronde? Se ci fosse l’interrogativo e solo quello rimanesse? Perche’ magari l’altro malato ha solo paura, e mica e’ malato davvero. E allora io, indomabile io, beh allora capirei. Sarebbe normale. Dato che questo immenso silenzioso puo’ sembrare addirittura un male oscuro, certo che farebbe paura. Ma se cosi’ non fosse? Il dubbio viene, sapete? E se cosi’ non fosse allora saremmo come le piante di liquirizia. Le cui radici in reticolo s’allungano e le collegano l’una all’altra. E quel grosso male sarebbe nostra madre, e tutto spiegherebbe. I sospiri, il vuoto allo stomaco, i sogni e le intemperie. Cosa? Chiedete se io abbia piu’ paura del tumore o di altro? Che domande… io so qual e’ il piano. Il tumore o chi per lui me l’ha detto. Cosa cambia averne o no paura? Ho delle immagini, una sorta di scaletta. Non so come si arriva da un anno all’altro, ma so dove si arriva. Potrei sedermi tranquillo ad aspettare, se fossi uomo di fede. E invece no, invece il destino ha bisogno di carne e sangue per compiersi, altrimenti resta come il fantoccio vuoto che cade a terra. Come il burattino senza fili. Come la giacca infangata che qualcuno mi ha levato ieri sera, mentre ero sbronzo, e ha lasciato a terra. Sgonfia la guardo e sorrido. Fuori c’e’ una fitta nebbia. L’affetto con gli occhi e ti trovo. Sei come il faro sul molo. Non c’e’ nulla che possa impedirti di raggiungermi.

16 commenti:

  1. Spiazzantemente forte come un destro di un grande campione, come sempre. Complimenti

    RispondiElimina
  2. di questo si vive, seminando cadaveri lungo sentieri tra i campi, pur di raggiungere fari, fantasmi tra la nebbia
    (omerita)

    RispondiElimina
  3. Il destino ha bisogno di carne e sangue per compiersi...e prima o poi tocca a tutti fare i conti con i "nostri"fantasmi ...percepire,esplorare...e provare senza troppe esitazione...il brivido dell'adrenalina...
    sei sempre devastante quando scrivi grazie ;)

    RispondiElimina
  4. @sabrina ancarola LMA dice che da spiazzato uno finisce a scrivere cose spiazzanti...

    RispondiElimina
  5. @omerita ah per me ci si muore pure...

    RispondiElimina
  6. @JuJu dai Ju, va bene l'adrenalina, ma scendi dal tetto adesso...

    RispondiElimina
  7. Forse il tumore pensa che l'uomo che c'è attorno a lui, sia il suo tumore...

    RispondiElimina
  8. NULLA!LUPACCHIOTTA. P.S. MA MANOC CHE SIGNIFICA

    RispondiElimina
  9. @Lorenzo pensa male, non sbagli (c pavese)

    RispondiElimina
  10. çlupacchiotta assolutamente niente :)

    RispondiElimina
  11. scendo dal tetto ma continuo a sbroccare.... nn c'è alternative, e nn ci sono scelte.... ;)

    RispondiElimina
  12. ...che business sono i tumori....!!!

    RispondiElimina
  13. lo sai vero?!... che ti voglio bene
    (lupacchiotta)

    RispondiElimina
  14. @luisaluz mamma che iene... :)

    RispondiElimina